S INDACATO U NITARIO L AVORATORI P OLIZIA L OCALE 
35 anni a difesa della categoria
telegram logo 11

ANCHE ANCI E UPI SI UNISCONO AL SULPL DOPO LA NOTA PRODOTTA: RICHIESTA ULTERIORI CHIARIMENTI, ANCHE SE PER IL SULPL E' CHIARO, SUL BONUS BABY-SITTING

84984849 2712189532221788 8690924056406392832 n

"I lavoratori iscritti alla gestione separata INPS, i lavoratori autonomi, il personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso

pubblico, impiegato per le esigenze connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19, i lavoratori dipendenti del settore
sanitario, pubblico e privato accreditato, appartenenti alla categoria dei medici, degli infermieri, dei tecnici di laboratorio
biomedico, dei tecnici di radiologia medica e degli operatori socio-sanitari, per i figli conviventi minori di anni 14, possono
scegliere la corresponsione di uno o piu' bonus per l'acquisto di servizi di baby-sitting nel limite massimo complessivo di 100 euro
settimanali, da utilizzare per prestazioni effettuate per i casi di cui al comma 1"
 

SEGRETERIA GENERALE

Viale Gramsci, 265 – 41122 Modena

 Modena, 14 marzo 2021

 

Al Sig. Presidente della Repubblica

Al Sig. Presidente del Consiglio dei Ministri

Al Sig. Ministro per gli affari regionali

Al Sig. Presidente ANCI

Al Sig. Presidente UPI

 

           Il S.U.L.P.L. il sindacato della Polizia Locale, ancora una volta, deve intervenire sui decreti, prima DPCM, ora legge  per fare presente quanto segue:

- Le donne e gli uomini appartenenti alla Polizia Locale Italiana hanno assicurato ed assicurano, in periodo di pandemia, tutti i servizi di controllo del territorio di contrasto alla diffusione della predetta;

- Hanno, in termine di perdita di vita umana, purtroppo, registrato - sempre a causa del servizio svolto - il decesso di tantissimi operatori;

- Non possono, perché svolgono servizio pubblico essenziale usufruire del cosiddetto lavoro agile, anzi in molti casi, stante la carenza del personale, hanno subito il blocco della fruizione delle ferie;

- Quanto sopra al pari delle altre forze di Polizia ad ordinamento statale e delle Categorie di cui al Comparto Sicurezza;

- A fronte di tutto questo, la Polizia Locale viene, passi il termine, discriminata rispetto a chi svolge le medesimi funzioni ed esposto agli stessi rischi, infatti viene esclusa dai benefici di cui al DECRETO-LEGGE 13 marzo 2021, n. 30, titolato: Misure urgenti per fronteggiare la diffusione del COVID-19 e interventi di sostegno per lavoratori con figli minori in didattica a distanza o in quarantena, dai beneficiari: art.2 comma 6,…. I lavoratori iscritti alla gestione separata INPS, i lavoratori autonomi, il personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, impiegato   per   le   esigenze   connesse   all'emergenza epidemiologica da COVID-19, i lavoratori dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato   accreditato,   appartenenti   alla categoria dei medici, degli infermieri, dei tecnici di laboratorio biomedico, dei tecnici di radiologia medica e degli operatori socio-sanitari, per i figli conviventi minori di anni 14, possono scegliere la corresponsione di uno o piu' bonus per l'acquisto di servizi di baby-sitting nel limite massimo complessivo di 100 euro settimanali….

Pertanto,

chiede alle SS.LL. di voler, attraverso idoneo atto normativo, urgente, esplicativo e/o ritenuto idoneo ed opportuno, eliminare tale “disparità” includendo i 60.000 donne e uomini della Polizia Locale Italiana tra i beneficiari della disposizione predetta.

Distinti saluti.

 

Il Consulente Legale                                                                                                                                                               Il Segretario Generale

dott. Giuseppe Bonfilio                                                                                                                                                            Mario Assirelli

 

decreto legge n. 30/2021

CORONAVIRUS E DECRETO LEGGE DRAGHI COME ANNUNCIATO ECCO I CONGEDI PARENTALI

 

webmail.sulpl

 

COVID: ANCI E UPI, BONUS BABY SITTER ANCHE A POLIZIA LOCALE

Stampa

17/03/2021
di AGI

COVID: ANCI E UPI, BONUS BABY SITTER ANCHE A POLIZIA LOCALE Covid: Anci e Upi, bonus baby sitter anche a polizia locale

(AGI) - Roma, 17 mar. - "Auspichiamo che il bonus baby sitter, con i prossimi scostamenti finanziari, possa diventare un provvedimento universale, ma deve essere immediatamente riconosciuto anche agli agenti di polizia locale, che da mesi sono impegnati in prima linea nei controlli sull'applicazione delle restrizioni anti Covid, chiamati dalle prefetture ad affiancare le forze dell'ordine e di polizia a competenza generale. Siamo certi che il non averli espressamente considerati nel decreto legge varato dal Governo tra il personale delle forze di sicurezza cui spettano le misure di sostegno alla genitorialita', sia una svista sulla cui rapida correzione si trovera' pieno consenso del governo, a partire dal presidente Draghi". Lo dichiarano il presidente dell'Anci, Antonio Decaro, e il presidente di Upi, Michele de Pascale. "E' evidente che, considerato che la misura ha lo scopo di sostenere i lavoratori impegnati in attivita' indifferibili legate all'emergenza sanitaria, i corpi di polizia locale sono ricompresi a pieno titolo in questa categoria - proseguono - Occorre correggere questa dimenticanza, insieme ad altre riguardanti le professioni sanitarie, nel decreto Sostegno, come giustamente richiesto dalle organizzazioni sindacali di categoria".
(AGI)Ser