S INDACATO U NITARIO L AVORATORI P OLIZIA L OCALE 
33 anni a difesa della categoria
telegram logo 11

SDI Polizia locale ecco muoversi i poteri forti dello Stato come sempre scritto e annunciato dal SULPL!!! I numeri e le statistiche intimoriscono la Questura e il Comandando provinciale dei Carabinieri di Brescia. Il Prefetto è costretto ad intervenire

sulpl nuovo

 SDI Polizia locale ecco muoversi i poteri forti dello Stato come sempre scritto e annunciato dal SULPL!!! I numeri e le statistiche intimoriscono la Questura e il Comandando provinciale dei Carabinieri di Brescia. Il Prefetto è costretto ad intervenire anche se non di sua competenza determinare l'operatività degli operatori della sicurezza in campo nella Provincia.

Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale

Segreteria Generale

V.le Gramsci 265 – 41122 Modena

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Al Ministro dell’Interno Matteo Salvini

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Al Capo della Polizia Franco Gabrielli

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Al Prefetto di Brescia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Al Questore di Brescia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Al Comandante provinciale dei Carabinieri

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Al Comandante della Polizia Locale di Brescia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Oggetto: Vademecum Prefettura di Brescia_

Certo che il report 2018 della Polizia Locale di Brescia può far balzare sulla sedia coloro che ai vertici tengono ben stretto il primato dei "veri garanti" della Sicurezza: 949 notizie di reato, 142 arresti (di cui 125 per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti), 9648  grammi di sostanze stupefacenti sequestrate e 64mila euro di proventi recuperati, 807 persone denunciate a piede libero, 950 identificazioni etc etc. Qualche grande capo sarà imbarazzato, per non dire infastidito che la Polizia Locale, quella ritenuta da taluni di serie B possa oscurare le vere FF.OO.

Lo affermiamo convintamente dopo aver letto ed analizzato il vademecum del Prefetto di Brescia con riferimento allo SDI, che qualcuno vuole tener ben stretto, probabilmente perchè come abbiamo già affermato in altra sede è l'unico modo per tenere ancora la PL alle proprie dipendenze ed evitare di farle spiccare il volo, tentativo che non sempre riesce, e la PL di Brescia ne è l'esempio lampante!

Il punto 4 del vademecum è veramente incommentabile, poichè asserisce che nel caso in cui l'interrogazione dia esito positivo, la Forza di Polizia interessata "invierà con tempestività sul posto una propria pattuglia per le incombenze di competenza".

In pratica, tra le righe si legge che in caso di positività dell'interrogazione, la vera Forza di Polizia interverrà per prendersi il merito dell'operazione e balzare agli onori della cronaca, come se già non accadesse troppo spesso!

La linea seguita a Brescia è a nostro avviso totalmente sbagliata; esemplare invece quella tenuta dal Questore di Venezia, a cui evidentemente sta realmente a cuore la sicurezza degli operatori di Polizia (tutti, nessuna Divisa esclusa) e dei Cittadini. Il Questore Masciopinto infatti ritiene la Polizia Locale, Forza di Polizia a tutti gli effetti e ne riconosce la preparazione e l'alto profilo professionale; egli ritiene essenziale la collaborazione tra tutte le Forze di Polizia dislocate sul territorio e fornire a tutti gli operatori medesima formazione e dotazioni (Taser compreso).

A nostro avviso un modello da seguire per i Questori di tutta Italia. Lo stesso Ministro dell'Interno Matteo Salvini non deve farsi influenzare da chi vuol tenere il potere ben stretto; per chi come lui afferma di tenere alla Sicurezza, è fondamentale estendere l'accesso allo SDI anche alla Polizia Locale, senza limitazioni, e definire al più presto la nostra Riforma.

Ad ogni buon conto è giusto chiarire al Prefetto di Brescia che chi ha sempre lavorato con passione, continuerà a farlo, non sarà certo una circolare a metterci i bastoni tra le ruote. La legge 7 marzo 1986 n.65 all'art. 5 rubricato : " Funzioni di polizia giudiziaria,  di  polizia  stradale,  di pubblica sicurezza" individua lo status giuridico degli appartenenti alla Polizia Locale Italiana; numerose previsioni normative riconoscono alla Polizia Locale "il diritto", proprio per le  funzioni de quibus, di accedere, in attesa che tali disposizioni vengano meglio regolate e definite, per il tramite delle altre forze di Polizia ad ordinamento statuale. La Polizia Locale non ha nulla da imparare dagli altri, anzi, tante volte siamo proprio noi a formare gratuitamente anche i Colleghi delle altre FF.OO., e lo facciamo ben volentieri, senza temere che nessuno possa sottrarci qualcosa, a differenza di altri.

Modena, 8 agosto 2019

                                                                                                                                                    Il Segretario Generale

                                                                                                                                                          Mario Assirelli

 

 

 

ACCESSO SDI BRESCIA