S INDACATO U NITARIO L AVORATORI P OLIZIA L OCALE 
33 anni a difesa della categoria
telegram logo 11

IMMIGRATO SFASCIA AUTO IN SOSTA E SPACCA LA FACCIA AD AGENTE DONNA DELLA POLIZIA LOCALE E NE FERISCI ALTRI TRE-BRAVA "POLITICA" PORTI APERTI E MASSIME GARANZIE IN DISPREGIO AGLI UOMINI IN DIVISA-RISPOSTA SULPL GENOVA

picchiata3 672x372

Brutale aggressione contro gli agenti della polizia locale di Genova, con una vigilessa stesa a pugni da un immigrato.

Il responsabile è un 30enne immigrato con cittadinanza italiana, quindi statisticamente sarà un reato commesso da un ‘italiano’.

Il nuovo ‘italiano’ era stato colto sul fatto intorno all’una della notte di venerdì da un residente, mentre stava sfasciando alcune auto in sosta.

Il testimone ha contattato le forze dell’ordine. La prima ad arrivare, una vigilessa, ha tentato un approccio eccessivamente femminile, ha parlato all’immigrato: lui le si è scagliato contro colpendola con un forte pugno in pieno volto e facendola cadere pesantemente a terra.

Solo l’intervento del collega della donna e del testimone ha evitato il peggio. E solo dopo l’arrivo di altre pattuglie è stato possibile bloccare definitivamente l’energumeno.

Il bilancio complessivo parla di 3 poliziotti rimasti feriti nelle fasi di arresto. A finire al pronto soccorso oltre la donna, altri due colleghi colpiti con pugni dall’immigrato.

Giudicato con rito direttissimo dopo una notte trascorsa all’interno di una cella di sicurezza della questura di Genova per smaltire la sbornia, ha visto confermato il fermo ed è stato rinviato a giudizio. Le accuse sono quelle di danneggiamento e resistenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale.

Rendiamoci conto: un immigrato sta devastando auto in sosta e gli ‘parlano’. Negli Usa lo crivellavano, giustamente, di colpi. I nostri sono disarmati.

 

LIGURIA

La polizia locale è intervenuta su richiesta dei cittadini che hanno visto l’uomo, in stato di ebbrezza, rompere bottiglie non lontano dal centro commerciale, lui ha cercato di scappare a piedi, poi ha affrontato gli agenti con un pezzo di legno e ha mandato uno di loro all’ospedale, ma è stato fermato

Sul posto, chiamati da cittadini spaventati, sono stati gli agenti del II Distretto, a cui sono arrivati in ausilio i colleghi del reparto Pronto Intervento che si trovavano a passare in zona dopo un Tso. L’uomo prima è scappato a piedi verso il ponte di Cornigliano poi, vistosi raggiunto, ha preso un pezzo di legno da un cantiere e ha aggredito i cantuné che sono riusciti a fermarlo, ma uno di loro è rimasto ferito ed ha dovuto ricorrere alla cure del pronto soccorso. È successo alle 19 di questa sera.

Al momento l’uomo, un nigeriano con una considerevole collezione di precedenti penali, era privo di documenti e completamente in preda all’alcol. È stato identificato e arrestato per violenza e lesioni a pubblico ufficiale. Sarà processato domani per direttissima.

 
 polizia locale1